Dalla boxe al marketing globale, l’American dream di Venanzio Ciampa

“I pugni che ho incassato nella boxe mi sono serviti a capire che potevo rialzarmi. Perché non c’è cosa più ferocemente poetica della boxe e in fondo, sul lavoro, è quello che faccio ancora: una boxe un po’ diversa ma sempre boxe”. Pugilato, giornalismo,IMG_1369 eventi. E’ questa la vita passata e presente di Venanzio Ciampa, imprenditore italoamericano di New York che si occupa di promozione e comunicazione. La sua storia, però, non è stata per nulla lineare. Nato negli Stati Uniti ma cresciuto in Italia, tra la Calabria e Roma, Ciampa

tenta al principio di sfondare nel pugilato, strada abbandonata precocemente in America perché, come spiega, “qui erano in tanti più forti di me”. Ciampa lavora prima in Rai come giornalista e producer, per poi creare a New York una filiale di Cinecittà – attraverso un accordo con Martin Scorsese – e vendere film italiani negli Usa. Partecipando ad uno di questi eventi viene contattato dal gruppo Swatch, che gli affida il compito di rilanciare il brand Omega. Inizia qui una lunga carriera nel mondo del marketing e della comunicazione, culminata poi con la creazione nel 2004 di una attività imprenditoriale autonoma.

Ciampa crea The Promotion Factory, agenzia di comunicazione e marketing nel cuore di Manhattan, a pochi metri dalla quinta strada. L’agenzia, che occupa 12 persone, ha tra i propri clienti alcuni brand globali come Gucci e Girard Perregaux. Si occupa di social media, gestisce campagne pubblicitarie, eventi, pubbliche relazioni, più in generale

Ciampa Antico, l'olio di famiglia

Ciampa Antico, l’olio di famiglia

attività di marketing. “Per sfondare in America – spiega – bisogna offrire qualcosa di più, di diverso. E noi italiani dal punto di vista della creatività siamo avvantaggiati, ci viene naturale, appartiene alla nostra cultura. Per vincere in questo mercato però questo non basta, bisogna aprire la mente, abbandonare le proprie abitudini e conoscere

la realtà americana”. Realtà che Venanzio Ciampa ha imparato iniziando a lavorare molto presto per pagarsi gli studi. “Ho fatto un po’ di tutto, ho raccolto immondizia, ho fatto anche il vetraio”. Esperienze diverse ma anche tanta vita di relazione, di giorno e di notte, per sviluppare una catena importante di contatti. Oggi la sua agenzia di comunicazione contribuisce a “lanciare” nel mondo del lavoro giovani talentuosi, “Se c’è una cosa di cui vado fiero è quella di aver condiviso le mie conoscenze. Da anni, attraverso la mia agenzia, ho contribuito a formare e spingere nel business della comunicazione i giovani che sono passati da qui”. Una vita professionale ormai Oltreatlantico anche se un legame con l’Italia resta ancora: una piccola azienda agricola in Calabria dove Ciampa produce con il fratello l’olio extra vergine di oliva Ciampa Antico.

Intervista, immagini, riprese, grafiche, post-produzione di Rosalba Reggio e Luca Orlando